+39 0543.28288
 
info@hotelmartaforli.it
     
Miglior tariffa garantita!   Prenotare qui conviene.
Scopri le promozioni del momento:

Parcheggio gratuito prenotando tramite il nostro sito/mail/telefono!

Perchè prenotare direttamente con noi ( tramite il nostro sito/ mail / telefono )* ?

Benefit Parcheggio! 

PARCHEGGIA LA TUA AUTO IN TUTTE LE STRISCE BLU NELLA NOSTRA VIA (C.Cignani) E NELLE DUE LATERALI( A.Brescia e Lazzareto) IN MANIERA COMPLETAMENTE GRATUITA RICHIEDENDOCI IL PERMESSO ALLA RECEPTION.

Se non trovi posto nelle 3 vie? Parcheggi lunga sosta € 2,00 tutta la giornata a soli 200 mt !!

* offerta non valida per riservazioni convenzionate tramite master e riservazioni online ( tramite Booking/Trivago/Tripadvisor )

 

L'Eterno e il Tempo - Tra Michelangelo e Caravaggio

Tra il Rinascimento e il Barocco. La grande mostra al San Domenico di Forlì
del 2018 mette in scena per la prima volta in maniera compiuta e in un nuovo percorso espositivo il fascino di un secolo compreso tra un superbo
tramonto, l’ultimo Rinascimento, e un nuovo luministico orizzonte, l’età barocca.
Il periodo che intercorre tra il compimento del Giudizio Universale di Michelangelo nella Cappella Sistina (1541) e la breve affermazione a Roma di Michelangelo Merisi da Caravaggio è per la storia dell’arte uno dei più avvincenti e stimolanti.
La pittura della Maniera aveva messo in campo le ragioni di un’“arte per l’arte”, in cui a prevalere erano il capriccio e la “licenza”, ovvero una sorta di trasgressione che stesse dentro alla regola: un’arte colta, rivolta a una ristretta élite in grado di compiacersi del gioco di sottili rimandi ai grandi modelli di Raffaello e di Michelangelo, sentiti come insuperabili.
A mettere in crisi questo modo di intendere l’arte era stata la polemica dei riformatori protestanti che, contro il lusso della corte pontificia, si richiamavano al rigore della Chiesa delle origini. Ma, ancora prima che il Concilio di Trento teorizzasse il valore didattico delle immagini – “da venerare secondo ciò che rappresentano”, sventando così il rischio iconoclasta – gli artisti avevano autonomamente elaborato una nuova figurazione in cui le esigenze del racconto prevalessero sullo sfoggio di un virtuosismo fine a sé stesso.

10 febbraio - 17 giugno 2018
Aperto anche tutti i festivi

Da martedì a venerdì:
9.30 - 19.00
sabato, domenica, giorni festivi:
9.30 - 20.00
La biglietteria chiude un’ora prima
Lunedì chiuso. 2, 23 e 30 aprile
apertura straordinaria

CONTATTACI PER SCOPRIRE LE VANTAGGIOSE TARIFFE CHE OFFRE LA NOSTRA STRUTTURA

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK